Guida Caprera - Spiagge e dove alloggiare

  • Panorama della costa di Caprera

L’I sola di Caprera è parte dell’ Arcipelago della Maddalena nel nord est della Sardegna, area sottoposta a tutela ambientale marina e terrestre per preservarne il patrimonio di bellezze. Caprera è nota per essere stata l’ ultima dimora di Garibaldi , che qui visse per oltre vent’anni fino alla sua morte.

I collegamenti per Caprera

In qualunque modo si arrivi in Sardegna, per arrivare a Caprera è necessario prendere il traghetto a Palau verso La Maddalen a , dalla quale si raggiunge facilmente Caprera attraverso un ponte percorribile in auto che unisce le due isole. I collegamenti in traghetto sono frequenti e della durata di soli 20 minuti.

Aerei A circa 53 km da Caprera si trova l’ aeroporto di Olbia Costa Smerald a, dove atterrano i voli Meridiana e Alitalia con le rotte nazionali e internazionali. Sono attivi anche i collegamenti delle compagnie low cost dalle principali città europee.

Traghetti I porti più vicini sono quelli Olbia e Golfo Aranci sulla costa nord orientale della Sardegna, distanti rispettivamente 55 km e 57 km. Tra le compagnie che transitano per i due porti vi sono Tirrenia , Moby e Sardinia Ferries con le rotte da Genova , da Civitavecchia , da Livorno e da Piombino .

Auto Da Olbia e da Golfo Aranci prendere la SS125 verso nord, da Porto Torres prendere la SS672 e poi la SS133 per un percorso totale di 150 km. Dal sud Sardegna si arriva percorrendo la SS131 per circa 200 km, svoltare sulla SS672 verso Tempio Pausania e prendere poi la SS133 fino a Palau.

Autobus Per raggiungere Palau e l’imbarco dei traghetti in autobus sono disponibili le corse della linea di trasporti regionale da Olbia, Sassari, Cagliari e altre località della Sardegna. Sono disponibili anche le autolinee private con le corse dall’aeroporto di Olbia a Palau e dall’ aeroporto di Alghero a Santa Teresa.

Alloggi e ristoranti a Caprera

Nella adiacente isola de La Maddalen a si può trovare una varietà di sistemazioni e strutture ricettive da cui raggiungere comodamente Caprera e le sue spiagge .

Residence: Il Residence Borgo Punta Villa in Via Chiusedda è una struttura composta da moderni appartamenti con tutti i servizi, balcone o patio e dotata di piscina all’aperto. Si trova a soli 12 minuti a piedi dal centro del paese, dai negozi e dai locali. In Via Don Vico 9 trovate Le Nereidi Hotel Residence , a 300 metri dal mare, che offre tutti i servizi per il vostro relax e divertimento. Sono presenti infatti la piscina coperta con idromassaggio, il solarium, il centro di bellezza, i campi da tennis, l’area per bambini.

Hotel: L’ Hotel delle Isole in Via Principe Amedeo si trova in posizione riservata e tranquilla e ad un passo dal centro, offre ampie camere arredate in stile sardo, giardino arredato, barbecue, terrazza solarium. Disponibile anche il noleggio di biciclette, gratis il primo giorno. In pieno centro in Via Amendola sorge l’ Hotel Excelsior , con terrazza panoramica sull’Isola di Santo Stefano e appartamenti eleganti, alcuni con vista mare o con vasca idromassaggio.

Bed and breakfast: Ancora a La Maddalena in via E. De Amicis c’è il Sol Del Caribe B&B , con giardino e con camere ampie e silenziose dotate di bagno privato e minibar. Il B&B Equosolidale si trova invece in Via Comandante Avegno, offre monolocali affacciati sul giardino con barbecue, con area salotto e angolo cottura. I proprietari organizzano battute di pesca alle quali i loro ospiti possono partecipare.

Campeggi: Il Camping Maddalena propone piazzole per tende, camper e roulotte immersi nella vegetazione e poi bungalow, chalet e tukul, esotica sistemazione a pianta circolare. All’ Abbatogia Village trovate piazzole per tende e case mobili e roulotte in affitto, in una location circondata dal mare all’interno del Parco Nazionale.

Ristoranti A La Maddalena troverete facilmente molti ristoranti tipici e pizzerie tra le strade e i vicoli del centro. Se cercate qualcosa di particolare per l’aperitivo provate lo Snack Bar Trinita, che offre insalate e sfiziosi panini preparati con ingredienti freschissimi, accanto a un panorama molto suggestivo. Visitando Caprera è poi immancabile una sosta a I Mille, un chiosco paninoteca immerso in una pineta che prepara grandi panini e ben conditi con ingredienti freschi e saporiti.

Spiagge e cosa da vedere a Caprera

L’ Isola di Caprera ha un importante valore naturalistico per via delle sue specificità ambientali e florofaunistiche. Lungo la costa frastagliata si aprono calette e arenili affacciati su un mare limpido dalle sfumature turchesi e il territorio ospita alcune specie di piante e animali sottoposte a tutela integrale. ;

Cala Andreani Punta Rossa è l’estrema punta meridionale dell’isola, circondata da un’area marina tutelata in cui vige il divieto di pesca. A 500 metri al largo verso ovest si staglia l' Isolotto del Porco , mentre a 200 metri a est si trova l’ Isola della Pecora , formata dalle più antiche rocce esistenti in natura. Qui si trova la spiaggia di Cala Andreani , tra scogli rosati di granito e dalla sabbia bianchissima. Una spiaggia molto nota e apprezzata e la Spiaggia del Relitto , anche questa con l’arenile e l’acqua chiarissimi, ed è chiamata così per la presenza sulla riva di un antico relitto di una nave arenatasi dopo un incendio a bordo.

Cala Coticcio Sempre nella parte meridionale c’è Cala Portese, meglio nota come Spiaggia dei due Mari perché si affaccia sul mare sui due lati, e poi la spiaggia di Porto Palma, con la sabbia dorata e gli scogli rosati, dotata di boe e pontili per l’ormeggio. Qui vicino si trova anche il famoso Centro Velico di Caprera, nato nel 1967. Famosissima è la spiaggia di Cala Coticcio sulla costa est, dalla sabbia candida e incastonata tra le rocce, che per via dei meravigliosi colori delle sue acque e l’aspetto incontaminato è stata soprannominata Thaiti .

Museo garibaldino di Caprera Caprera fu il luogo dove Garibaldi passò gli ultimi anni della sua vita e dove morì. Oggi la sua casa, detta la casa bianca, è diventata un museo che raccoglie gli oggetti e i cimeli del condottiero. Nella sua stanza ci sono ancora il calendario e l’orologio che segnano la data e l’ora della sua morte. Il Compendio Garibaldino comprende anche la tomba ed è ancora oggi una vivida ed emozionante testimonianza della vita frugale, dedita alla coltivazione e a contatto con la natura dell’Eroe dei Due Mondi.

Fonti delle immagini: