Arbatax e la sua baia: rocce rosse solcano l'azzurro

  • Vista sulle Rocce Rosse di Arbatax al tramonto

Adagiata sul fianco Nord del promontorio granitico di Capo Bellavista , sulle rive della baia, sorge la piccola cittadina di Arbatax . Nata come borgo di pescatori, si è ampliata in pochi decenni in funzione del porto mercantile e turistico, diventato un importante scalo commerciale della Sardegna occidentale per via degli insediamenti industriali dell'entroterra.

I collegamenti con Arbatax

Icona traghetto Il porto è il principale collegamento con la penisola; durante tutto l'anno i traghetti per Arbatax fanno rotta più volte alla settimana verso Civitavecchia e Genova. I collegamenti sono effettuati esclusivamente dalla compagnia Tirrenia. Il piccolo borgo ogliastrino dispone anche di un porticciolo turistico atto all'ormeggio di imbarcazioni private anche di discreto cabotaggio.

Icona areoporto Il piccolo aeroporto di Tortolì , nato per esigenze commerciali, ha visto crescere negli anni il traffico turistico. In inverno i voli vengono sospesi ma durante il periodo estivo la cittadina è collegata con le città di Milano, Roma e Verona. I voli di linea sono operati da Meridiana anche in continuità territoriale. D'estate si vola poi per alcune capitali europee grazie ai charter di compagnie aeree quali Air Dolomiti e Austrian.

icona autobus extra urbano Una rete di autobus gestita dall' Arst , garantisce i collegamenti con Olbia, Cagliari, Nuoro, Sassari e i paesi delle vicinanze. Il deposito principale dell'azienda regionale sarda trasporti si trova a Cagliari. E' possibile anche fruire di un servizio privato di trasporto effettuato con piccoli pulmini privati molto diffusi in tutto il territorio sardo

Icona automobile Per raggiungere comodamente Arbatax in automobile partendo dal capoluogo sardo di Cagliari , sono necessarie circa in un'ora e trenta minuti percorrendo i 140 Km tramite la nuova SS125 . Da Olbia la distanza è invece di 190 Km e sono necessarie circa due ore e un quarto per arrivare a destinazione, attraverso la SS131DCN che collega a Nuoro proseguendo poi per l'Ogliastra.

Alloggiare ad Arbatax

Per apprezzare al meglio le attrazioni della zona, numerose sia tra quelle di genere naturalistico e storico, che tra quelle costituite dagli eventi cultuali e folcloristici, è consigliabile fermarsi e trascorrervi qualche giorno. Le soluzioni per chi vuole soggiornare ad Arbatax e dintorni sono tante.

Hotel : chi ambisce a una sistemazione che privilegi il riposo assoluto può rivolgersi alle strutture alberghiere provviste di ristoranti e servizi aggiuntivi, con camere situate a pochi metri dalle spiagge che si affacciano su panorami marini di incredibile bellezza. Tra gli hotel di Arbatax troviamo l' Hotel Club Saraceno, La bitta Arbatax, Il borgo Cala Moresca , per citarne alcuni.

Case Vacanza: chi cerca una soluzione su misura, che consenta di programmare la propria vacanza ad Arbatax con estrema libertà combinando allo stesso tempo eleganza e comodità, può consultare il nostro motore di ricerca . Case vacanza in affitto ad Arbatax e in tutta l'Ogliastra , dalle ville di lusso alle accoglienti villette familiari, passando per i tipici rustici in stile sardo.
I campeggi: per i più sportivi i campeggi disseminati lungo il litorale tra Tortolì e Santa Maria Navarrese offrono una buona accoglienza grazie alla frescura garantita dalle boscose pinete. Tra i tanti il Camping Telis a Porto Frailis, Le cernie a Lotzorai, il Villaggio cigno bianco e altri in località di Iscrixedda, nei pressi del Lido delle Rose.

Bed and Breakfast : se si ha piacere di testare la celebre ospitalità ogliastrina si può alloggiare in uno dei tanti B&b o agriturismi dei dintorni. Per chi preferisce d'estate un clima più fresco ci si può spostare in altura ma sempre a due passi dal mare, verso Lanusei o Villagrande Strisaili dove si possono trovare delle splendide ed economiche strutture come l' agriturismo Menhir .

Arbatax: storia, eventi e attrazioni

Il nome della cittadina, secondo una credenza diffusa, deriva dalla parola araba arba‘at ‘ashar (dialettale arba‘ṭash), “quattordici”, riferito alla quattordicesima, da sud, tra le torri di avvistamento spagnole che punteggiano le coste dell'Isola. Ora chiamata Torre di San Michele , l'antica fortificazione sorge sulla via Lungomare che costeggia il porto, a sorvegliare la baia.

Poco più oltre, alle spalle del molo di Levante, si allungano nel mare i caratteristici scogli di porfido rosso, detti “ rocce rosse ”, ormai simbolo della cittadina. La spiaggetta offre uno spettacolo particolarmente suggestivo al crepuscolo, quando i raggi purpurei del sole esaltano il colore della pietra vermiglia, creando una particolare armonia di luci e colori. Lo spiazzo antistante la cala ospitava ogni estate il festival di musica jazz Rocce Rosse & Blues ”, recentemente trasferito nella vicina Santa Maria Navarrese. Tra i grandi grandi nomi del panorama internazionale che hanno partecipato alle passate edizioni star come David Bowie, Lou Reed, Eric Clapton, James Brown, B. B. King.

Costa Forrola. Vista verso Arbatax

I sentieri che percorrono il capo Bellavista offrono l'occasione di piacevoli passeggiate in direzione del faro che segnala il promontorio; oppure verso la secentesca Torre di San Gemiliano , anch'essa di origine spagnola, dalla quale si gode una vista mozzafiato.

A pochi chilometri si trovano alcune aree archeologiche di notevole interesse: la necropoli di Monte Terli , costituita da 17 Domus de Janas , sulla strada per il Lido di Orrì ; il villaggio preistorico e la tomba dei giganti, nel parco archeologico di San Salvatore nella località S'Ortali e su Monti; le rovine di un villaggio romano, presso la chiesetta campestre di San Lussorio. Da Arbatax è possibile raggiungere in poco tempo spiagge e cale di rara bellezza come la Spiaggia di Ponente e Cala Moresca , nelle immediate vicinanze, o Porto Frailis , Lido di Orrì, Follò e Pedra Longa poco oltre.

Assolutamente da non perdere sono poi le numerose escursioni via barca verso le splendide cale del golfo di Orosei. Cala Luna , Cala Sisine , Cala Mariolu , Cala Goloritzè solo per citarne alcune. Queste piccole spiagge, location di alcuni famosi film, sono certamente tra le più belle e incontaminate non solo della Sardegna, ma di tutto il Mediterraneo. Partenze estive dal porticciolo turistico di Arbatax e Santa Maria Navarrese, varie volte al giorno. Biglietti sono acquistabili in loco a partire da 25€ . Con un piccolo sovrapprezzo sono incluse le visite alla grotta del Fico e del Bue Marino. Su Alcune imbarcazioni è possibile prenotare anche il pranzo a bordo.

Una diramazione della ferrovia a scartamento ridotto collega Arbatax alla linea turistica del Trenino Verde , su cui viaggiano i caratteristici locomotori d'epoca. Il collegamento con Mandas , sebbene non Panorama dal Trenino Verde rilevante dal punto di vista dei trasporti, offre l'opportunità di ammirare la natura incontaminata dell'entroterra da un punto d'osservazione privilegiato. Il percorso della strada ferrata si snoda lungo il versante meridionale del massiccio del Gennargentu attraversando i paesi di Mandas, Orroli, Nurri, Villanovatulo, Esterzili, Sadali, Seui, Ussassai, Gairo, Villagrande Strisaili, Arzana, Lanusei, Elini, Tortolì, Arbatax. I biglietti si possono acquistare o prenotare chiamando direttamente gli uffici del Trenino Verde della Sardegna al numero +39 070 580 246 o direttamente nelle Stazioni di partenza. Biglietti A/R Arbatax-Mandas a partire da 21€